Viaggio

La Tua Famiglia Più Grande – La pubblicazione integrale online

LA TUA FAMIGLIA, PIÙ GRANDE
Il percorso triennale condiviso dal 2015 al 2018 dal Forum Provinciale del Terzo Settore di Brescia, con i 13 partner pubblici e privati del progetto “Promuovere e sostenere reti per l’affido famigliare sul territorio della Provincia di Brescia”

L’affido familiare coinvolge per sua stessa natura una molteplicità di attori istituzionali (servizi sociali, vari attori socio-sanitari, autorità giudiziaria) e del terzo settore e si pone l’obiettivo di promuovere il supremo interesse del minore e il suo diritto a vivere all’interno di un contesto famigliare.

Implica, per citare le Linee di Indirizzo per l’Affidamento Famigliare emanate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali “una reale sussidiarietà in cui i servizi pubblici e del privato sociale e le espressioni formali e informali della società civile si integrano reciprocamente nel rispetto delle specifiche competenze”.

La presente pubblicazione vuole dar conto del percorso triennale condiviso dal 2015 al 2018 dal Forum Provinciale del Terzo Settore di Brescia, con i 13 partner pubblici e privati1 del progetto “Promuovere e sostenere reti per l’affido famigliare sul territorio della Provincia di Brescia”, realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo. La rete di progetto, che si è estesa ed arricchita nel corso del percorso anche oltre ai partner formali, ha visto anche collaborazioni con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, altri enti pubblici e privati della provincia e il Centro Shinui di Bergamo.

La strategia di intervento del progetto ha visto gli operatori attivi su 4 principali filoni/fasi.

La presente pubblicazione racconta per quanto possibile i processi che il progetto ha permesso di avviare in queste “quattro fasi”, evidenziandone i risultati/esiti principali, ma anche gli aspetti critici e le prospettive future.

Si tratta di un lavoro composito e realizzato solo grazie alla collaborazione di tutti coloro che nei mesi di progetto sono stati parte attiva dei diversi processi.

L’augurio è che questo lavoro conclusivo possa rivelarsi per gli operatori e i servizi del sistema provinciale un utile strumento di “formazione, d’incontro e di crescita professionale […]” per “confrontare e condividere riflessioni ed esperienze, per costruire strumenti omogenei di monitoraggio dell’esperienza e di valutazione del servizio reso” (Art. 122.c Linee guida nazionali).

Forum Provinciale del Terzo Settore di Brescia

Scarica il testo integrale della pubblicazione

LATUAFAMIGLIAPIUGRANDE_testo_integrale_pubblicazione

 

 

 

 

 

Prendimi in affetto: un progetto che si arricchisce

PrendimiInAffetto-Logo

Tra i partner del nostro progetto ci sono soggetti sia pubblici che del privato sociale come il progetto @PRENDIMI IN AFFETTO nato all’interno delle Comunità per Minori gestite dalle Suore Poverelle dell’Istituto Palazzolo.

Il progetto “Prendimi in affetto”  diffonde e cura la pratica dell’affido attraverso la sensibilizzazione e l’accompagnamento di quelle famiglie o single che si rendono disponibili ad intraprendere l’esperienza dell’affido. Il preciso intento di questo progetto è quello di ridurre al minimo i tempi di permanenza dei minori nelle comunità, di offrire loro l’opportunità di godere di un’esperienza familiare positiva ed adeguata e di rispondere al diritto fondamentale di ogni bambino di avere una famiglia.

L’equipe del progetto “Prendimi in affetto” svolge quotidianamente la sua attività per:

  1. Promuovere e sensibilizzare sui temi dell’affido e raccogliere la disponibilità di quanti sono interessati
  2. Incontrare le famiglie disponibili per un primo momento di conoscenza e valutazione delle motivazioni che spingono alla scelta dell’affido
  3. Riconoscere le famiglie più idonee e inserirle nel percorso formativo
  4. Valutare, al termine del percorso formativo, la concreta disponibilità della famiglia all’accoglienza di un minore
  5. Presentare le famiglie disponibili ai Servizi Sociali, in caso di richiesta di avvio di un progetto di affido da parte degli stessi
  6. Stipulare il “contratto” di affido tra le parti in causa (Servizio Sociale, Ente a cui il minore è affidato, operatore referente del progetto “Prendimi in affetto”, famiglia d’origine e famiglia affidataria)
  7. Affiancare, sostenere ed aiutare le famiglie affidatarie per tutta la durata dell’affido

Grazie al Progetto Affido Brescia e alle sinergie con gli operatori dei servizi sociali le attività sono state potenziate e arricchite moltiplicando i momenti di scambio e condivisione tra famiglie d’origine e affidatarie e con i minori coinvolti nell’affido.

Gli strumenti utilizzati sono stati di diversa forma, dai colloqui formali in presenza dell’equipe, alternati a momenti informali di incontro e scambio, per affrontare insieme la quotidianità dei minori. Anche qui tuttavia il confronto tra le famiglie viene supportato dalla presenza di un operatore che si fa garante del massimo grado di condivisione possibile.

Logo Affido gruppoSempre grazie al progetto Affido Brescia è stato potenziato il lavoro con i minori e, accanto al gruppo di incontro mensile delle famiglie affidatarie, è stato ideato un percorso esperienziale per i figli naturali delle coppie affidatarie e per i minori in affido. L’idea si è sviluppata in 3 fasi:

  • nella prima attraverso un laboratorio creativo sull’affido,
  • nella seconda parte è stato coinvolto un arte-terapeuta,
  • nella terza parte, quella conclusiva, tutti si sono riuniti in un unico grande gruppo con minori e famiglie.

 

 

Per saperne di + sul progetto Prendimi in Affetto e contattare direttamente gli operatori visita la pagina dedicata La rete nel bresciano: progetto Prendimi in affetto

privato sociale

 

 

 

 

 

 

Video – Testimonianza di viaggio da “Storie di Bene” programma di Teletutto

Guarda il Video dal programma “Storie di Bene”  

condotto da Clara Camplani

Storie di Bene, il racconto dei protagonisti che hanno donato o ricevuto bene, perché fare del bene fa bene.


Dal noto programma di Teletutto “Storie di Bene”, puntata dedicata all’affido e all’accoglienza.

Testimonianza realizzata in collaborazione con il Coordinamento Famiglie Affidatarie – CFA

 

I protagonisti della storia:Icona testimonianze

Minore in affido: Andrea 10 anni;
Famiglia affidataria: Domenica, Pietro ed Emanuele figlio naturale;
La rete di supporto: l’associazione, i gruppi di autoaiuto, i servizi sociali, la comunità.

 

 


Ho sempre pensato che non v’è nessuna felicità maggiore di quella della famiglia. 

Dostoevskij

Online la storia di marzo: la testimonianza di Emanuela e Letizia, neo affidatarie

Storia del mese di marzo: UN ASSAGGIO NUOVO… L’AFFIDO LEGGERO!

I protagonisti della storia:

Minori in affido: 2 bambine di 5 anni;
Famiglie affidatarie: Emanuela e Letizia mamme neo affidatarie part-time;
La rete di supporto: i servizi sociali, la comunità.


Ci siamo approcciate con “paura” all’affido leggero come è stato concepito dal Servizio Affido del nostro territorio. Abbiamo partecipato ad un incontro formativo proseguito poi con un colloquio con l’assistente sociale ideatrice e divulgatrice passionale del progetto.

È arrivata la telefonata: c’è una bambina di 5 anni che necessita di stare all’aria aperta, avere nuovi stimoli… ed ecco che tutto avviene.

Siamo due ragazze single che non hanno avuto figli. La breve esperienza vissuta e attualmente in corso, è per entrambe molto interessante e ricca di emozioni.

Consigliamo a tutte le single o a chi è “solo” di avvicinarsi a questo mondo con fiducia. La gratitudine di un bambino/a quando gioca liberamente, quando segue un adulto in una banale azione quotidiana, il sorriso di quando assaggia un cibo gradito o la curiosità di quando prova un’emozione, rappresenta per noi un dono ed una emozione ineguagliabile.

Potremmo osare con una battuta… che l’affido è reciproco!

Certamente poi c’è il resto del mondo con il quale bisogna mediare…ma questa è un’altra storia.


 

“Con i bimbi capirsi è semplice.

Quando ti prendono per mano, hanno già scelto di fidarsi di te.”

Anonimo

 

Online la seconda storia del mese di novembre!

Storia del mese di novembre: Il giorno dell’arcobaleno

I protagonisti della storia
Famiglia naturale: Elena 32 anni e Paolo 68 anni, genitori di Ettore, Gianni e Martino, i primi due in affido, il più piccolo a casa coi genitori naturali.
Minore in affido: Ettore, 9 anni, in affido da due anni in maniera stabile, dopo un anno di affido solo il pomeriggio.
Famiglia affidataria: Maria, 55  anni e Franco 60, e i loro due figli, Marisa 30 anni e Marco 28 anni.
Le reti: Chiara, l’assistente sociale.


Quel giorno, il giorno dell’arcobaleno, dopo due anni di affido, Elena, Paolo, Ettore, Maria, Franco e Marisa si erano trovati tutti nell’ufficio dell’assistente sociale. Bisognava spiegare a Ettore che sarebbe rimasto in affido per altri due anni: lo aveva deciso il giudice del tribunale minorenni, che conosceva la sua storia.

Dopo aver  ascoltato i suoi genitori e i suoi affidatari e letto la relazione della assistente sociale e della psicologa, aveva ritenuto che questa fosse la scelta migliore, per il bene di Ettore.

Ettore aveva iniziato ad andare da Maria 3 pomeriggi alla settimana, quando in prima elementare aveva mostrato di non riuscire a stare fermo in classe, nessuno giocava con lui perché litigava sempre e a volte faceva male ai compagni.
Con tanta fatica Maria e sua figlia Marisa, che lo seguivano il pomeriggio, erano riuscite ad aiutarlo a capire e rispettare alcune regole, e sapevano anche fargli sentire che si poteva fidare.

A casa sua però  era proprio ingestibile.

La sua mamma era stata messa a 6 anni in una specie di collegio dalle suore e quando era tornata a casa, a 17 anni, si era sentita sempre non accettata, di conseguenza si era messa molte volte nei guai. A 20 anni, una notte in cui dormiva per strada, come tante altre volte, Paolo l’aveva incontrata e, intenerito, l’aveva portata a casa e sposata.
Con lui  aveva avuto 3 poi figli, ma si comportava sempre come una adolescente.

Il papà di Ettore, a sua volta, era stato sempre solo: da piccolo la madre aveva lasciato suo padre per fuggire a Milano,  affidato ai nonni non aveva quasi più visto né il padre né la madre. Si era sposato  una prima volta, ma la moglie se ne era andata senza più tornare. Elena era più una figlia problematica che una vera “compagna”, ma lui con infinita pazienza la teneva con se’ perdonandole tutto.
Per paura della solitudine non sapeva dare regole a nessuno, neppure ai suoi figli: era come un nonno per tutti. Lui e la moglie avevano accettato il rinnovo dell’affido con molta fatica perchè volevano bene a Ettore, e sapevano entrambi come era duro non poter stare coi propri genitori.

Maria e Franco, ed i loro figli, avevano accettato di continuare l’affido pur se l’esperienza non era sempre facile.
Dopo la lettura del decreto del tribunale minorenni, e la spiegazione, Ettore guardava tutti quei grandi, presenti nella stanza e metteva a fuoco che non sarebbe tornato a casa.
Fissando Chiara, l’assistente sociale, piangendo, le aveva chiesto: “Ma tu lo daresti in affido il tuo bambino?”
Chiara aveva sostenuto il suo sguardo e la sua sofferenza, ma la mente correva a Giulio, suo figlio, che aveva la stessa età di Ettore. Cosa avrebbe provato se si fosse trovato nella stessa situazione? A lui poteva succedere? In un secondo molte cose le erano passate davanti, e si era fatta strada una risposta molto vera: “Si Ettore, se io non fossi in grado di occuparmi di lui, se mi ammalassi e dovessi curarmi per un tempo lungo, per esempio, vorrei che lui potesse avere vicino qualcuno, sarebbe il mio modo di continuare a volergli bene, in una maniera ancora più forte, perché mi mancherebbe da morire e sarei forse anche gelosa del tempo che non posso passare con lui.”

A questo punto, Elena con molta umiltà aveva aggiunto “Sai Ettore, avrei voluto che mettessero anche me in affido, forse sarei riuscita a fare la mamma, ma invece ne’ io ne’ tuo papa’ abbiamo avuto una famiglia e non abbiamo imparato a fare i genitori. Abbiamo bisogno che qualcuno ci aiuti”
Maria, che con Elena aveva spesso avuto momenti di incomprensione perché non concepiva il suo modo di comportarsi, guardava i genitori di Ettore con occhi diversi e: “Sai Ettore io ho avuto fortuna, ho avuto una famiglia che si è occupata di me, e tante altre fortune. Un giorno, per esempio, stavo per perdere mio figlio in un incidente, ma si è salvato. Allora ho pensato che era importante ricambiare la mia fortuna occupandomi di te, aiutando i tuoi genitori che sono stati meno fortunati.”

Ettore continuava a piangere, ma con meno disperazione; anche tutti gli altri nella stanza, piangevano dentro di loro: nell’aria c’era una pioggia di lacrime leggere, ma quel giorno a tutti è sembrato fosse attraversata da una luce che creava un arcobaleno.

L’affido di Ettore è andato avanti per molti anni, anche con difficoltà e momenti di incomprensione, ma quando era necessario ricercarne il senso, tutti andavano con la mente al giorno dell’arcobaleno.


 

“Di molte emozioni posso essere orgoglioso, ma ce n’è una in particolare di cui vado fiero. Si tratta delle cicatrici che ho nel cuore. Le ho colorate così bene che adesso sembrano un arcobaleno”.
Orazio