operatori

Prendimi in affetto: un progetto che si arricchisce

PrendimiInAffetto-Logo

Tra i partner del nostro progetto ci sono soggetti sia pubblici che del privato sociale come il progetto @PRENDIMI IN AFFETTO nato all’interno delle Comunità per Minori gestite dalle Suore Poverelle dell’Istituto Palazzolo.

Il progetto “Prendimi in affetto”  diffonde e cura la pratica dell’affido attraverso la sensibilizzazione e l’accompagnamento di quelle famiglie o single che si rendono disponibili ad intraprendere l’esperienza dell’affido. Il preciso intento di questo progetto è quello di ridurre al minimo i tempi di permanenza dei minori nelle comunità, di offrire loro l’opportunità di godere di un’esperienza familiare positiva ed adeguata e di rispondere al diritto fondamentale di ogni bambino di avere una famiglia.

L’equipe del progetto “Prendimi in affetto” svolge quotidianamente la sua attività per:

  1. Promuovere e sensibilizzare sui temi dell’affido e raccogliere la disponibilità di quanti sono interessati
  2. Incontrare le famiglie disponibili per un primo momento di conoscenza e valutazione delle motivazioni che spingono alla scelta dell’affido
  3. Riconoscere le famiglie più idonee e inserirle nel percorso formativo
  4. Valutare, al termine del percorso formativo, la concreta disponibilità della famiglia all’accoglienza di un minore
  5. Presentare le famiglie disponibili ai Servizi Sociali, in caso di richiesta di avvio di un progetto di affido da parte degli stessi
  6. Stipulare il “contratto” di affido tra le parti in causa (Servizio Sociale, Ente a cui il minore è affidato, operatore referente del progetto “Prendimi in affetto”, famiglia d’origine e famiglia affidataria)
  7. Affiancare, sostenere ed aiutare le famiglie affidatarie per tutta la durata dell’affido

Grazie al Progetto Affido Brescia e alle sinergie con gli operatori dei servizi sociali le attività sono state potenziate e arricchite moltiplicando i momenti di scambio e condivisione tra famiglie d’origine e affidatarie e con i minori coinvolti nell’affido.

Gli strumenti utilizzati sono stati di diversa forma, dai colloqui formali in presenza dell’equipe, alternati a momenti informali di incontro e scambio, per affrontare insieme la quotidianità dei minori. Anche qui tuttavia il confronto tra le famiglie viene supportato dalla presenza di un operatore che si fa garante del massimo grado di condivisione possibile.

Logo Affido gruppoSempre grazie al progetto Affido Brescia è stato potenziato il lavoro con i minori e, accanto al gruppo di incontro mensile delle famiglie affidatarie, è stato ideato un percorso esperienziale per i figli naturali delle coppie affidatarie e per i minori in affido. L’idea si è sviluppata in 3 fasi:

  • nella prima attraverso un laboratorio creativo sull’affido,
  • nella seconda parte è stato coinvolto un arte-terapeuta,
  • nella terza parte, quella conclusiva, tutti si sono riuniti in un unico grande gruppo con minori e famiglie.

 

 

Per saperne di + sul progetto Prendimi in Affetto e contattare direttamente gli operatori visita la pagina dedicata La rete nel bresciano: progetto Prendimi in affetto

privato sociale

 

 

 

 

 

 

Il TEMA della FORMAZIONE agli operatori al CENTRO di nuove SPERIMENTAZIONI

Resta alta l’attenzione sulla formazione condivisa degli operatori sociali.

Dopo il primo percorso formativo “PROMUOVERE E SOSTENERE RETI PER L’AFFIDO FAMIGLIARE” realizzato nel corso del I anno del nostro progetto ed a cui hanno aderito ben 48 operatori, si torna sul tema formazione con due iniziative.

1. INCONTRI DI “CONDIVISIONE PRASSI TRA GLI OPERATORI” DEGLI ENTI PARTNER
All’interno del progetto sono state programmate 3 giornate di condivisione tra i referenti dei partner dedicate a temi specifici del processo di affido: la formazione della famiglie affidatarie, la valutazione delle famiglie, modelli di accompagnamento dei progetti di affido.
La prima giornata si è tenuta a novembre, le altre sono previste ad inizio 2017.
Gli incontri sono condotti dai membri della Cabina di Regia del progetto e si propongono di individuare gli elementi condivisi sui temi da tutti considerati essenziali e di confrontarsi su metodologie e strumenti applicabili e sulla loro efficacia.

2. GLI “ELEMENTI QUALIFICANTI DEI PROCESSI DI AFFIDO – APPLICAZIONI PRATICHE”
Un primo percorso condiviso di formazione è stato realizzato nel 2016 all’interno del Progetto “Promuovere e sostenere reti per l’affido famigliare sul territorio della provincia di Brescia”, destinato agli operatori pubblici e privati del territorio bresciano che si occupano di affido (Servizi affido, Tutela minori, Terzo settore). Durante tale percorso sono stati affrontati gli elementi qualificanti l’affido che, insieme, offrono un modello alternativo e innovativo di gestione dei percorsi di affido, volto a superare le principali problematiche che oggi vive questa pratica.

Durante la formazione, alcuni operatori hanno sollevato delle perplessità su come applicare delle pratiche innovative nell’affrontare i casi di affido: la co-progettazione, il lavoro sulle risorse, il coinvolgimento di tutti i membri del sistema, la costruzione di un’équipe interdisciplinare e della rete, la pluralità dei luoghi, la valutazione soggettiva in itinere sono solo alcuni degli elementi che i servizi si chiedevano come introdurre, ecc….
Al contempo, questi elementi avevano sollevato curiosità ed è nata, insieme, l’idea di applicare queste pratiche ad alcuni casi monitorandoli e discutendone insieme grazie ad uno scambio arricchente e affrontando le difficoltà e sperimentando pratiche diverse.

Così si è arrivati a questo nuovo percorso formativo, la cui partecipazione è destinata ai referenti dei partner del progetto “Promuovere e sostenere reti per l’affido sul territorio della provincia di Brescia” e agli operatori che hanno partecipato al percorso di formazione del 2016.
La metodologia di realizzazione prevede che il gruppo si ritrovi in plenaria per discutere dei casi selezionati seguiti in via sperimentale. La conduzione degli incontri sarà curata dalla formatrice.
La conduttrice sarà la dott.ssa Cecilia Edelstein, presidente Shinui – Centro di Consulenza sulla Relazione (www.shinui.it), ideatrice del modello sistemico pluralista, social worker, psicologa e terapeuta familiare e sistemica, etnopsicologa, counselor e mediatrice familiare.
Al termine del percorso verrà fornito uno strumento di restituzione al gruppo di quanto emerso.
Il percorso, di 6 incontri, partirà a metà marzo 2017 per concludersi nel mese di novembre 2017.